CANE LASCIATO CHIUSO IN AUTO

Nel 2018, nonostante la continua informazione tramite Social e Mass Media, c’è chi ancora lascia il proprio cane chiuso in auto, con 40 gradi all’ombra. E’ quanto successo a Pergine nel parcheggio dei Canopi , in provincia di Trento; nonostante i finestrini abbassati di qualche centimetro,la temperatura nell’abitacolo dell’auto aveva ormai raggiunto i 45 gradi. E’ stato solo grazie alla segnalazione di una mamma che stava andando a prendere suo figlio a scuola e all’intervento della Polizia Locale dell’Alta Valsugana e dei Vigili del Fuoco che si è evitata la tragedia. Gli agenti raccontano di non aver trovato l’animale particolarmente sofferente . La proprietaria, a cui è stata notificata una multa pari a 200 euro , si è scusata spiegando di essere lì per una visita e di aver lasciato il cane in macchina poiché il cielo era nuvoloso, essendosi
trattenuta più del dovuto non si era accorta che fosse uscito il sole. . E' bene però ricordarsi di non lasciare mai un animale incustodito in macchina, soprattutto nei mesi estivi.

 
Grazie a tutti gli amici che Venerdì sera hanno partecipato al nostro AperiBau

Un grazie particolare al caro Guido, lo scultore dei gatti, che ci ha donato una sua splendida opera per la lotteria. Presenti anche il nostro Presidente Gianluca Comazzi e Gianluca Baldon, il catturatore che ha dispensato come sempre consigli preziosi. Grazie infine al Bar del Poli per averci ospitati.


 
"La tolleranza reciproca è una necessità per ogni tempo e per ogni razza" Mohandas Gandhi

 
Pablo Neruda


 
Un pochino di fresco finalmente!

 
CANE CHIUSO NELLA STIVA MUORE IN VOLO

Alejandro, cane di razza Pomeriana di otto anni, è stato trovato senza vita nella stiva dell’areo su cui viaggiava; il suo proprietario Michael Dellegrazie si era semplicemente attenuto ai protocolli per il trasporto di animali in aeroplano. Michael ha sostenuto che il cane alle 6 del mattino fosse vivo e stesse bene, mentre alle 8 e 30 veniva dichiarato deceduto dal personale di bordo. L’accaduto risale a Mercoledì scorso, ma non meno di due mesi fa, a Marzo 2018, era toccata la stessa sorte ad un cucciolo di 10 mesi su un volo della United Airlines. Nel 2018 ci si chiede se non sia ora di cambiare le normative vigenti poiché trasportare un cane in stiva, oltre ad essere un rischio sempre più concreto,per un animale è davvero causa di forte stress.