Finalmente si gioca!


 
Un saluto dal nostro amico Biscotto!


 
Da uno scantinato di Milano alla nuova vita con un cucciolo: la storia del bradipo Wendy

Baby bradipo a sorpresa al Parco Natura Viva di Bussolengo: lo ha dato alla luce Wendy, una femmina di 12 anni affidata dal 2010 alla struttura veronese, dopo essere stata trovata in uno scantinato di Milano. Durante una lenta passeggiata tra rami e corde del suo reparto, Wendy ha mostrato l'inaspettato: un piccolo bradipo aggrappato alla sua pancia, tutto naso, pelo e artigli. Nessun «segnale di preavviso» era arrivato, difficile da intercettare visto che il bradipo è una specie notturna, che trascorre anche tre quarti della giornata dormendo sugli alberi. «Wendy ha vissuto una situazione difficile e si è dovuta abituare pian piano a tornare a comportarsi secondo la propria natura, in un ambiente consono», spiega Caterina Spiezio, responsabile del settore ricerca e conservazione del Parco Natura Viva.

 
CORSO EDUCATORE CINOFILO MILANO

Trasforma la tua vita in un sogno. Per informazioni scrivi a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Impara una nuova lingua non più basata su parole e frasi fatte ma solo di gesti e sguardi. Impara a comunicare come lui comunica con noi. Diventa un vero formatore della relazione con il cane.

 
Che vergogna il Comune di Milano

Il nostro Presidente e Consigliere Comunale di Milano Gianluca Comazzi si è offerto di pagare la multa: se non fosse una triste storia vera potrebbe sembrare una barzelletta. Qualche giorno fa la storica "gattara" Rosi che segue i gatti del Castello da 35 anni è stata multata di 50 euro da due rigorosi vigili in borghese perché qualche piccione avrebbe mangiato del cibo che era invece destinato ai gatti. Vietato dare cibo ai piccioni. Alla polizia locale diciamo di andare a multare gli abusivi, quelli che occupano i parchi, i palazzi non una benemerita signora che spende tutti i suoi soldi per gli animali. Forti con i deboli deboli con i forti.

 
Pietà ed empatia

Sono stati questi i sentimenti che i testimoni hanno provato trovandosi di fronte alla scena immortalata da un’immagine che sta facendo il giro del mondo.
Il fatto è avvenuto recentemente in India, Paese di grandi contraddizioni, e ha visto come protagoniste una scimmia e il suo cucciolo. La madre è rimasta uccisa a seguito di un investimento da parte di un’auto, mentre cercava di attraversare una strada con il piccolo a Elanthur. Il cucciolo si è stretto al corpo morente della madre e ha lanciato urla disperate quando si è reso conto che era morta, rifiutandosi di abbandonarla. Per lungo tempo il piccolo ha abbracciato la mamma, cercando invano di svegliarla, appoggiandole l’orecchio al corpo come se cercasse di sentirne il battito del cuore.